Ministro degli esteri canadese: le azioni del Partito Comunista Cinese sono come il bullismo scolastico

Autore: Andelie
Traduttrice: Xiaobuding
Revisore: Shiyuedehupo

Sabato, il ministro degli Esteri canadese Marc Garneau ha paragonato il comportamento del Partito Comunista Cinese a quello di un bullo dei campus scolastici, affermando che solo mantenendo un atteggiamento duro nei suoi confronti si avrà la possibilità di cambiarlo. 

Il signor Marc Garneau

Ha continuato dichiarando alla stazione radio pubblica del paese CBC: “Ho visto molti bulli arroganti nella mia vita. So che possono cambiare, ma cambieranno solo quando invierai loro un segnale forte e chiaro”. Nell’intervista, Garneau ha menzionato le sanzioni imposte da molti paesi occidentali, incluso il Canada, contro la Cina.

Foto: Emrah Gurel/AP

Questa intervista è stata registrata prima che Pechino annunciasse contromisure negli Stati Uniti e in Canada. Pechino ha annunciato sanzioni contro Gayle Manchin, presidente del Comitato internazionale per la libertà religiosa degli Stati Uniti, il vicepresidente Tony Perkins, il rappresentante canadese Michael Chong e la Commissione internazionale per gli affari esteri e lo sviluppo internazionale (FAAE) e sono state imposte sanzioni per vietare al personale interessato di entrare nel territorio della Cina, Hong Kong e Macao.

Dopo aver appreso la notizia, Zhuang Wenhao ha twittato di aver considerato le sanzioni di Pechino come una medaglia d’onore. Ha detto: “Abbiamo la responsabilità di chiedere che la Cina ripaghi la colpa per la loro repressione di Hong Kong e il genocidio degli uiguri. Viviamo liberamente in un sistema democratico e in un paese sotto lo stato di diritto. Dovremmo farci avanti in nome di coloro che non possiedono la libertà.”

Lunedì, l’Unione Europea, il Regno Unito, gli Stati Uniti e il Canada hanno imposto sanzioni congiuntamente agli ex e agli attuali funzionari del PCC coinvolti nella repressione degli uiguri nello Xinjiang. I paesi europei e americani ritengono che Pechino abbia intensificato le sue misure repressive contro i musulmani locali nello Xinjiang negli ultimi anni. Le autorità di Pechino hanno immediatamente annunciato ritorsioni contro le istituzioni dell’UE e britanniche, i parlamentari competenti e gli studiosi che studiano le questioni dello Xinjiang.

Garneau ha sottolineato: “se Pechino non cambia la sua posizione, il Canada si riserva il diritto di prendere ulteriori sanzioni contro la Cina”.

Il ministro degli Esteri ha inoltre espresso gli sforzi di oltre 20 paesi per unirsi al Canada nella richiesta alle autorità cinesi di liberare i cittadini canadesi Michael Kovrig e Michael Spavor che erano stati imprigionati dalla Cina con l’accusa di “spionaggio” per più di due anni.

Il 1 ° dicembre 2018, su richiesta degli Stati Uniti, la polizia canadese ha arrestato Meng Wanzhou, il capo delle finanze di Huawei che stava transitando per Vancouver, e successivamente Kovrig e Spavor sono stati arrestati dalla Cina. Secondo Ottawa, l’arresto da parte della Cina di due cittadini canadesi è stato un “rifiuto arbitrario di detenzione”.

Fonte

Editore: Ana

+2
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments

喜马拉雅意大利罗马达芬奇农场

欢迎战友加入喜马拉雅意大利罗马达芬奇农场,请使用官方DISCORD链接 : https://discord.gg/77fCxw5mFv 官方联络邮箱: [email protected] Mar. 31